L’importanza di donare il sangue

22/03/2019. Il sangue è vita. Lo sappiamo tutti e chissà quante volte l’avremo sentito ripetere o ce lo

siamo detti. Sarà forse per questo che tutti noi abbiamo questa atavica paura del sangue che spiccia?

Probabilmente lo associamo inconsciamente al fluire stesso della vita fuori dal nostro corpo. Ogni goccia di

sangue che perdiamo è una goccia di vita che fugge da noi. Tanti alla vista di qualche goccia di sangue si

sentono mancare o addirittura svengono.

Cosa c’entra, direte, tutto questo con la donazione del sangue? Purtroppo c’entra, eccome! Perché è uno

dei principali motivi addotti dalle persone alla loro scelta di non donare. La paura del sangue. Una barriera

psicologica non di poco conto, certamente collegata alla paura della morte, del dolore, perciò non facile da

rimuovere. Eppure di sangue c’è sempre più urgenza, oggi più che mai. Questo è quanto è emerso, durante

l’incontro, dagli interventi, tutti molto piani, illustrativi, didattici, dei dottori e volontari dell’Avis,

associazione quest’ultima impegnata fin dal 1927 nel campo delle donazioni. Perché il sangue non si

fabbrica ma si dona. Giusto per fare qualche esempio, un trapianto cardiaco necessita di 10 donazioni di

sangue e plasma, ben 80 donazioni di sangue invece occorrono per un trapianto di midollo. E se è vero che

nella maggior parte di noi c’è questa irrazionale resistenza a donare, è altrettanto vero che per fortuna si

può agire. Basta avere il coraggio di decidersi la prima volta, come si dice rompere il ghiaccio. Il sentirsi utili

per gli altri, la consapevolezza di avere salvato delle vite grazie alla nostra donazione, regala una gioia che

forse nessun’altra esperienza potrà mai eguagliare. E’ anche un percorso formativo e di maturazione civica

e personale che ci permette di inquadrare la vita in una prospettiva più ampia, che getta una luce anche su

quella parte di esistenza di chi soffre, di chi ha la vita spesso appesa ad un filo, ma lotta e non ha ancora

perduto la speranza di una vita migliore. Quel filo il cui destino può essere deciso da un nostro “sì” o un

nostro “no”.

Un sentito ringraziamento a tutti coloro, referenti di progetto, volontari Avis e studenti che hanno reso

possibile questo incontro.

Raffaele Morganti-Ufficio Stampa

Tenendo conto che si può essere donatori dai 18 ai 65 anni, salvo eccezioni, per chi volesse ulteriori

informazioni su contatti, luoghi in cui donare nella nostra zona, modalità ecc.. può consultare il sito qui

sotto riportato dell’Avis Nereto.

http://www.avisneretotortoreto.it/


Pubblicata il 28 marzo 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.